ONLUS
Associazione Amici di Paola Marcadella

 

 

IL CENTRO per i DCA "Amici di Paola"

 

 

Ambulatorio "Amici di Paola" sui Disturbi Alimentari

(Distretto n° 1 di Pianura)

 

L' Ambulatorio dei disturbi alimentari è un servizio del Dipartimento di Salute Mentale che si occupa dei disturbi del comportamento alimentare (bulimia, anoressia) offrendo attività ambulatoriali, psicoterapia individuale e di gruppo, sostegno alle famiglie.

 

Il servizio collabora con l’Ambulatorio Nutrizionale aziendale e il Centro di Riferimento Provinciale per i Disturbi del Comportamento Alimentare e del Peso di Vicenza.

Si accede: su invio del medico di base ed in caso di urgenza con accesso diretto

 

SEDE: presso Centro Socio Sanitario Mons. E. Negrin

Via Cereria, 14/B – palazzina “L” - BASSANO DEL GRAPPA (VI)

Tel. 0424-885462

 

Orari di apertura al pubblico:

Lunedì 9.00 12.30 14.30 19.00
Martedì 9.00 12.30 14.30 17.30
Mercoledì / /
14.30 17.30

Giovedì

 

9.00 12.30 /
/



Zoom Foto
Il taglio del nastro nel nuovo centro sanitario

Inaugurazione del Centro , luglio 2009

foto archivio

 

L'Ambulatorio per i DCA  "Amici di Paola" è finalmente realtà. A sei mesi dall'attivazione della nuova struttura per l'assistenza delle persone affette da malattie legate all'alimentazione e dei loro familiari, alla presenza dell'assessore regionale alle politiche sanitarie Sandro Sandri, l'Ulss ha inaugurato ufficialmente la struttura, ricavata in uno dei padiglioni del centro Mons. Negrin. Tale spazio è stato ristrutturato con una spesa di 150 mila euro e grazie alla collaborazione dell' Associazione " Amici di Paola Marcadella", un sodalizio che già dal 2002 si occupa di questo tipo di problematiche e che ha spinto i dirigenti dell'unità sanitaria ad inserire, fra le strutture del dipartimento di salute mentale, un polo dedicato a chi soffre di anoressia, bulimia, obesità o di altre patologie legate al cibo. 
«Si tratta di un servizio atteso da tempo - ha sottolineato il direttore sanitario Valerio Alberti - Un punto di riferimento che inserisce il nostro territorio nella rete nazionale delle strutture per la cura dei disturbi alimentari». Il centro, come ha evidenziato il direttore del dipartimento di salute mentale Paolo Tito, sarà gestito in collaborazione con l'associazione , che dovrà anche fare da collegamento con le famiglie delle ragazze in difficoltà.